martedì 1 ottobre 2013

Pasta di mais sostitutiva del fimo? Primo esperimento, prime impressioni... e prime perplessità

Ciao a tutti e bentornati :-)
Sono stata latitante per tanti mesi ma chi di voi segue anche la pagina Facebook di FeltroSenzaFiltro avrà visto che in realtà le mie mani hanno continuato a lavorare per tutta l'estate :-)
Ora finalmente torno a raccontarvi qualche novità, ed in particolare vi parlo di un nuovo esperimento che ho realizzato ieri: la pasta di mais.
Si tratta di un materiale molto conosciuto ed utilizzato dalle creative in Rete, che ho deciso di provare a realizzare perchè -in base a quanto letto in internet- dovrebbe avere la stessa resa del fimo ma con un costo più contenuto. In particolare, il mio interesse per la pasta di mais è dovuto al fatto che ho iniziato a ricevere richieste per la realizzazione di oggetti in fimo di dimensione abbastanza elevata, e come anche molte di voi sapranno, questo comporta un costo elevato, dato che un panetto di fimo può costare da 1,70€ (quello della Staedtler se acquistato in internet) fino ai 3,00€ (quello della To Do, che tra l'altro è il mio preferito).

Per realizzare la pasta di mais bastano pochi semplici ingredienti: amido di mais (chiamato anche maizena, si trova al supermercato), colla vinilica, olio di vasellina (si trova in farmacia) e succo di limone. Ho letto che alcune persone aggiungono anche qualche goccia di olio essenziale profumato per far si che il prodotto finale non abbia l'odore della colla vinilica.


In particolare, io ho seguito questa ricetta trovata in più siti internet e blog:
  • 250 gr Amido di Mais
  • 250 gr Colla Vinilica
  • 1 Cucchiaio di Olio di Vasellina
  • 1 Cucchiaio di Succo di Limone
Sempre leggendo in diversi siti web, ho visto che questa ricetta può essere realizzata a freddo (mescolando semplicemene gli ingredienti in un tegame) oppure a caldo (mescolandoli mentre vengono riscaldati a fuoco basso). In teoria la ricetta a caldo permette di ottenere un impasto più malleabile che consente di avere una maggior resa nei dettagli: visto il mio intento di cercare un sostituto del fimo ho preferito realizzare quest'ultima.


Ho messo tutti gli ingredienti in un tegame antiaderente ed ho iniziato a mescolarli, finchè l'impasto ha iniziato naturalmente a staccarsi dalle pareti diventando una specie di palla. A quel punto ho spento il fuoco e riposto il composto in una busta di plastica trasparente, e l'ho lasciato raffreddare.
Una volta lavorato con le mani, questo è il risultato che ho ottenuto:


Ho pensato di utilizzare la pasta di mais per realizzare dei decori per l'albero di Natale, per questo ho diviso questo panetto in quattro blocchi di dimensioni minori che ho poi colorato in rosso, marrone, verde e bianco. Si può scegliere se colorare la pasta inserendo in essa della tempera oppure se realizzare la forma e dipingerla una volta asciutta, dipende dai vostri gusti: io, per avere un materiale simile al fimo, ho scelto la prima soluzione:


E' a questo punto che ho incontrato le prime difficoltà: innanzitutto c'è voluta una quantità industriale di tempera per avere un colore intenso, e vi assicuro che impastare quattro panetti è stato un lavoro pazzesco! Inoltre unendo la tempera all'impasto questo risultava un pò appiccicoso, ho quindi compensato aggiungendo un pò di amido di mais sul piano di lavoro e sulle mani per facilitare il distacco... ma il risultato è stato che la superficie dei diversi panetti è diventata meno morbida ed un pò più secca rispetto al loro interno. Dopo più di un'ora di impasto ecco qui i diversi colori che ho ottenuto:


Innanzitutto volevo realizzare dei decori a forma di bastoncini di zucchero bianchi e rossi, (tipo questi però più grandi) ma un volta creati i salsicciotti quando ho iniziato ad arrotolarli l'uno sull'altro sulla superficie sono comparse tante piccole rughe, cosa che mi ha spinto ad abbandonare il progetto. Ho allora pensato di farli piatti e sfruttare una formina: con il mattarello ho steso il bianco e successivamente il rosso, che poi ho tagliato a striscioline.
Anche questa operazione non mi ha molto soddisfatto, perchè, nonostante abbia usato la lama che uso anche per il fimo e che non mi ha mai dato problemi, il taglio risultava irregolare e rimanevano delle sporgenze un pò come quando si lavora con la pasta di sale. 
Ho poi provato a fare, con il marrone, dei biscotti: come faccio solitamente per il fimo, ho punzecchiato la superficie stesa della pasta con una testina di uno spazzolino da denti, per dare l'effetto della superficie ruvida del biscotto. Più o meno è riuscita come volevo, però ho notato che col passare dei minuti le incisioni sono diventate un pò più superficiali e meno definite di come le avevo fatte.
Infine, semplicemente stendendo la pasta verde ed usando una formina, ho fatto degli alberelli di Natale.
Questo è il risultato finale:



Ora commentiamo. Diciamo che visto come si era messa la situazione e vista la scarsa modellabilità della pasta tutto sommato sono contenta dei risultati, anche se questi sono più spartani e semplici rispetto agli oggetti che avrei voluto realizzare. 
Di certo, però, la pasta di mais non ha preso il posto del fimo nel mio cuore, perchè, diciamocelo:
1. la comodità di un panetto già pronto all'uso è indiscussa
2. ottenere i colori desiderati non è per niente semplice
3. con la pasta di mais non sono riuscita ad utilizzare la macchina per la pasta (che uso abitualmente per il fimo) e ad ottenere parti dettagliate
4. ho sporcato metà cucina per fare questo esperimento

Sono comunque certa, anzi, certissima, di aver sbagliato qualcosa, non so se nella cottura o nelle proporzioni, e quindi chiedo il vostro aiuto:  qual'è la vostra esperienza con la pasta di mais? Quale ricetta/tipo di cottura usate? La preferite al fimo?
Sono curiosa di avere un confronto e scoprire le vostre opinioni!

Io prometto, appena avrò terminato di decorarli e di ultimare i dettagli, di postare una foto di questi addobbi per l'albero finalmente finiti!


A presto ed happy craft!

9 commenti:

  1. Ciao i uso sia fimo che pasta di mais ma per cose diverse....per i bijoux uso solo fimo etc.,la pasta di mais la uso per decorazioni e personaggi (risparmio materiale).quando fa le grinze é perché si sta già asciugando...prova ad usare un po' di Nivea per le mani...aiuta ad elasticizzare e quando ti si appiccica tra le dita...io uso l'impasto a freddo e mi trovo molto bene ,certo i dettagli sono meno precisi che con le paste polimeriche...appunto per questo continuo ad usare entrambi i materiali...!dalle foto sembrerebbe che il tuo impasto fosse un po' duro...forse lo hai cotto troppo?ciao Sy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Silvia! Grazie per il tuo consiglio :-) Quindi pensi sia meglio la ricetta a freddo? Tu che proporzioni usi tra i materiali?

      Grazie mille e a presto :-)
      Erica

      Elimina
    2. Sí per me é meglio la ricetta a freddo più comoda e salutare( già respiro la cottura del fimo ,almeno mi evito le esalazioni della vinavil).per le dosi ti consiglio di usare la ricetta del blog cosedibea che ha gentilmente messo a disposizione la sua ed é quella che uso pure io!cmq per qualsiasi altra cosa sono a tua disposizione!a presto Sy

      Elimina
    3. Andrò sicuramente a vedere, grazie mille per i consigli e a presto ;-)
      Erica

      Elimina
  2. Io uso quella a freddo (più che altro per l'estate) e non ci metto così tanto a colorare i panetti, anche perchè non mi diventa subito appiccicosa... io la preferisco soprattutto dal punto di vista salutare, inoltre non c'è bisogno di occupare il forno come invece capita con il fimo... la si lascia asciugare a parte e fa tutto da se. In effetti dalla foto sembrava molto grinzosa quindi forse c'è stato un problema con la cottura. Confermo comunque che i buchi e le incisioni tendono a restringersi con la seccattura... quindi basta solo un po' di pratica. Se servono altri consigli chiedi pure! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Roberta, grazie mille per le tue dritte! Tu per la ricetta a freddo che proporzioni usi tra gli ingredienti?

      A presto e ancora grazie!
      Erica

      Elimina
    2. Ho messo il tutorial sul mio blog se ti va di darci un'occhiata! ;)

      Elimina
  3. quindi il fimo in casa non si puo fare?

    RispondiElimina
  4. Post veramente molto interessante! Grazie

    RispondiElimina